.
Annunci online

Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte



 

 Sabato 10 marzo ore 15.00 Piazza Farnese ROMA

 

 

 



 





ATTENZIONE!!!!
Ho scoperto che qualche, come definirlo, "Buontempone" va in giro a insultare altri Bloggers usando il mio nome e il mio link. Non sono io. Ne ho informato la Redazione.
Mi scuso con i malcapitati, ma vi assicuro che la più offesa e arrabbiata sono io!




www.iostoconleriforme.ilcannocchiale.it





 





Registra il tuo sito nei motori di ricerca
Perchè la vittoria di De Magistris è anche una vittoria del PD
30 maggio 2011

In questi 15 giorni tra il primo e il secondo turno una delle discussioni più tediose è stata quella su un presunto  mancato appoggio del PD a De Magistris perchè "avrebbe eletto più consiglieri se avesse vinto Lettieri".

I dati di oggi dicono che De Magistris passa da 128.303 (27,52%) del primo turno a 264.730 (65,37%) ha cioè più che duplicato i voti (e questo ci dice che Lettieri ha certamente perso!) 136.427 voti in più

Morcone ne aveva presi 89.280 (19,15%) e 68.018 (16,59%) di questi sono del PD.

Pasquino ne aveva 45.449 (9,74%).

In tutto Morcone e Pasquino sono 134.729 voti.

Darei per certo che non è mancato nenache uno a De Magistris,anche se questo ha significato solo 4 consiglieri per il PD (e nessuno per SEL).

Credo che De Magistris farebbe bene a tenerlo presente.




permalink | inviato da serenacolonna il 30/5/2011 alle 18:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
BILANCIO 2011: tagli ai servizi, aumenti delle tariffe e furberie
10 maggio 2011
Anche quest'anno l'a delibera di Bilancio giunge con 6 mesi di ritardo.
Anche quest'anno è una manovra che cumula tagli a servizi fondamentali per i cittadini del Municipio XV (manutenzione scolastica, trasporto pubblico su ferro, servizi culturali e sportivi etc) con aumenti tariffari (AMA, per esempio, tassa di soggiorno etc) e alcune furberie come quella per cui, anche su comparti la cui competenza è decentrata ai Municipi, il Comune si è tenuto ingentissime risorse non vincolate così da poter intervenire in proprio (ovvero se c'è il problema è del Municipio al quale sono state tolte le risorse per intervenire ma se c'è la soluzione è grazie al Comune che si è tenuto i soldi in cassa).
Anche quest'anno l'abbiamo bocciata.


Di seguito due ordini del giorno che ho presentato su temi rilevanti per il nostro territorio.

Il Consiglio del Municipio Roma XV riunito in seduta straordinaria nel giorno 9 maggio ’11

 

PREMESSO

 

che è pervenuta in Municipio la Proposta prot. RC n.5331/11 “Bilancio previsionale annuale 2011, Bilancio pluriennale 2011-2013, Relazione previsionale e programmatica, Piano degli investimenti 2011-2013 eRelazione Tecnica 2011-2013 (Dec. G.C. n. 34 del 11.04.2011)”.

 

che tale proposta comporta per il Municipio XV un taglio complessivo delle risorse pari al 2,63% rispetto al Bilancio deliberato 2010 (già ridotto dell’8,67% rispettoalla annualità precedente) e porta al 25,98% pari al 3.276.324 euro il deficit sul fabbisognoparametrico;

 

EVIDENZIATO

che appare ormai insostenibile la situazione nel comparto della manutenzione scolastica, dove i tagli di quest’anno, pari in media all’8% rispetto al deliberato 2010, portano il Municipio XV a una dotazione di risorse inferiore del 51% rispetto al fabbisogno parametrico.

Nel dettaglio con riferimento al fabbisogno parametrico le risorse risultano ormai essere inferiori rispettivamente del:

<!--[if !supportLists]-->·        <!--[endif]-->31% per i nidi (con ulteriore tagli sul deliberato 2010 pari al 9%)

<!--[if !supportLists]-->·        <!--[endif]-->56% per le scuole dell’infanzia (con ulteriore tagli sul deliberato 2010 pari al 9%)

<!--[if !supportLists]-->·        <!--[endif]-->62% per le scuole elementari (con ulteriore tagli sul deliberato 2010 pari al 10%)

<!--[if !supportLists]-->·        <!--[endif]-->56% per le scuole medie % (con ulteriore tagli sul deliberato 2010 pari al 9%)

SOTTOLINEATO

che a questi tagli va aggiunto un deficit nel comparto didattico-educativo pari al 7% rispetto al fabbisogno parametrico e al 4,9% rispetto al deliberato 2010

ESPRIME

totale contrarietà e preoccupazione per questa decisione della Giunta comunale che per il secondo anno consecutivo penalizza i bambini della Città di Roma e le loro famiglie emette a rischio la loro sicurezza

IMPEGNA IL PRESIDENTE DEL MUNICIPIOXV

a fare tutto quanto in suo potereper manifestare in ogni sede lo sconcerto e il dissenso del Municipio XV e per cercare di ottenere da parte della Giunta Alemanno fondi adeguati e fare in modo così che i bambini della nostra città vivano la loro vita scolastica in strutture degne di una grande Capitale Europea

 



Il Consiglio del Municipio Roma XV riunito i seduta straordinariail giorno 9 maggio 2011

 

PREMESSO CHE

-il Piano RegolatoreGenerale di Roma approvato nel 2008 prevede la costruzione di due nuove lineemetropolitane: la linea C e la linea D, e che quest’ultima investe gran partedel nostro territorio collegando i quartieri di Marconi e Magliana alle linee Ae B della metropolitana, all’Eur a sud e al Centro Storico e al quartiereTrieste e Talenti verso Nord

-il Piano Regolatore Generale prevedeva altresì la realizzazione del Ponte dei Congressi tra Eur e Magliana

-il Piano strategico della mobilità approvato nel 2009 ha ribadito tra lepriorità “la diramazione della linea 8 da Piazza Flavio Biondo alla metro Eur – Marconi”

- era impegno delle passate Amministrazioni l’allargamento di via della Magliana e la realizzazione di una funivia di collegamento tra Magliana e l’EUR

PREMESSO ALTRESI’ CHE

è pervenuta in Municipio la Proposta prot. RC n.5331/11 “Bilancio previsionale annuale 2011, Bilancio pluriennale 2011-2013,Relazione previsionale e programmatica, Piano degli investimenti 2011-2013 e Relazione Tecnica 2011-2013 (Dec. G.C. n. 34 del 11.04.2011)”.

EVIDENZIATO CHE

queste opere risultano di fondamentale importanza non solo per il Municipio XV ma per l’intera Città di Roma, in quanto possono contribuire a ridurre in modo significativo il traffico privato in zone ad alta densità abitativa

in particolare nella zona Marconi, che risulta tra le più inquinate dell’intera Città e che è gravata non solo da una forte densità abitativa ma anche da una forte concentrazione di negozi ed uffici che la rendono un centro di attrazione anche da altri quartieri di Roma, la costruzione di forti infrastrutture di trasporto pubblico su ferro risulta indispensabileper migliorare la qualità della vita dal punto di vista ambientale e dell’inquinamento atmosferico

l’attuale Ponte Magliana non è più in grado di sopportare il traffico di collegamento i quartieri Eur e Magliana

CONSIDERATO CHE

A frontedella comprovata importanza ed urgenza delle opere in questione risulta

- un’ipotesi di modifica del percorso della metro D con relativo stralciodel tracciato che attraversa il Municipio XV

- il silenzio totale dell’Amministrazione comunale, a due anni dall’approvazione del Piano strategico sulla mobilità, rispetto allo sfioccamento della linea 8 su viale Marconi  così come alle altre opere citate

SOTTOLINEATO IN PARTICOLARE CHE

non ostante l’esplicita previsione dell’inizio dei lavori per il 2011 per quanto riguarda la linea D e la ribadita priorità della diramazione della linea 8 verso Marconi, nel Bilancio 2011 non vi è alcun finanziamento per nessuna delle opere citate e che viceversa i primi finanziamenti per la Metro D sono rinviati al 2013 mente la diramazione del tram 8 è completamente sparita

le risorse per il Ponte dei Congressi sono ormai ridotte a un decimo di quanto previsto nel 2009

ESPRIME

totale contrarietà alla mancata previsione di risorse sufficienti per la metro D e il prolungamento del tram 8 e per le altre opere citate, nel Bilancio 2011

fortissima preoccupazione in relazione all’effettiva volontà del Comune di Roma nel voler dare concreta attuazione a queste opere e in generale a un efficace intervento infrastrutturale volto a rafforzare il trasporto pubblico e la mobilità sostenibile

IMPEGNA ILPRESIDENTE DEL MUNICIPIO XV

a fare tutto quanto in suo potere per manifestare in ogni sede lo sconcerto e il dissenso del Municipio XV per quanto sta avvenendo






permalink | inviato da serenacolonna il 10/5/2011 alle 9:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
AMA – RACCOLTA DIFFERENZIATA A MARCONI
13 marzo 2011

Mozione 

Il Consiglio del Municipio Roma XV,riunito in seduta straordinaria il giorno 7 marzo 2011

Consideratoche

il quartiereMarconi è stato sin da luglio 2010 oggetto della sperimentazione in materia diraccolta differenziata dei rifiuti

le modalitàdecise dall’AMA, pur essendo definite “porta a porta”, prevedono in realtà chesia il cittadino a doversi recare in luoghi prestabiliti e in precise fasceorarie per consegnare i rifiuti al personale dell’AMA

tali modalitàrisultano particolarmente gravose, specie per le persone più anziane e per lefamiglie, causando disagi e disservizi alla cittadinanza e creando problemianche per la raccolta differenziata della carta e della plastica che invecerisultava funzionante prima di luglio

l’Ama non haritenuto in nessuna fase di confrontarsi con il Municipio XV rispetto a questoproblema

il MunicipioXV ha espresso articolata e puntuale preoccupazione e totale contrarietà rispettoalle modalità decise dall’AMA

 Evidenziatoche

il servizio per come si è venutoconfigurando è ben lontano da un equilibrato rapporto

tra doveri dei cittadini, benefici equalità del servizio erogato

che icittadini di Marconi e le realtà organizzate nel Quartiere hanno sin da subitorappresentato al Comune e all’azienda AMA tali situazioni di disagio,accompagnate da proposte puntuali, promuovendo anche una raccolta firme che haraccolto oltre mille adesioni

 Constatatoche

Il Comune e l’azienda AMA non hanno adoggi dato risposte alle segnalazioni e alle lamentele dei cittadini

a fronte diquesto disservizio sono invece stati annunciati nuovi aumenti per la Ta.Ri

 Sottolineatoche

il tema della raccolta differenziata èinvece questione centrale e che essa deve essere migliorata ed ampliata

 CHIEDE ALSINDACO DI ROMA di intervenire presso l’AMA per

rivedere lemodalità di raccolta dei rifiuti nel quartiere Marconi e tenuto anche contodelle richieste della cittadinanza, in particolare di:

  1. organizzare, ove possibile, punti di raccolta condominiali
  2. aumentare sensibilmente i punti di raccolta previsti ampliandone le fasce orarie e comunque prevedendo anche un turno serale
  3. pagare la tariffa dei rifiuti – per quello che riguarda l’indifferenziato - SOLO ed esclusivamente sulla base della quantità degli stessi
  4. istituire punti mobili per le pile esaurite
  5. istituire raccoglitori per le deiezioni canine
  6. dedicare ai furgoncini mobili un'area di sosta riservata ed evitare le doppie file o le soste in curva dei furgoncini, così da migliorare la viabilità

 IMPEGNA il Presidente del Municipio arappresentare al Comune di Roma e all’Ama quanto esposto

 Impegna il Presidente del Consigliomunicipale a trasmettere all’Ama, al Sindaco e all’Assessore all’Ambiente del Comune di Roma la presente mozione          




permalink | inviato da serenacolonna il 13/3/2011 alle 21:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Grazie
8 febbraio 2011
Grazie Presidente perchè grazie a Te possiamo non abbassare lo sguardo per la vergogna innanzi al mondo.





permalink | inviato da serenacolonna il 8/2/2011 alle 14:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
A proposito di maggioritario uninominale
30 agosto 2010

Riporto di seguito i dati delle elezioni del 1994, le prima che videro la vittoria berlusconiana.

Allora si votava con il cosiddetto Mattarellum, ovvero 75% dei seggi assegnati con meccanismo maggioritario e collegi uninominali e 25% di proporzionale su circoscrizioni.

Per semplicità riporto solo i dati della Camera.

 

QUOTA PROPORZIONALE

Liste/Gruppi                                             Voti          %    Seggi

FORZA ITALIA                                  8.136.135    21,01    30

PDS                                                   7.881.646    20,36    38

ALLEANZA NAZIONALE                     5.214.133    13,47    23

P.POPOLARE ITALIANO                    4.287.172    11,07    29

LEGA NORD                                       3.235.248    8,36      11

RIF.COM.                                          2.343.946    6,05      11

PATTO SEGNI                                    1.811.814    4,68      13

LISTA PANNELLA                               1.359.283    3,51       -

FED.DEI VERDI                                  1.047.268    2,70       -

PSI                                                    849.429        2,19        - 

LA RETE-MOV.DEM.                          719.841        1,86       -

ALLEANZA DEMOCRATICA                456.114        1,18       -

SVP                                                    231.842        0,60       -

SOCIALDEMOCRAZIA                        179.495        0,46       -

Altri    vari                                         1.146.034      2,96       -

TOTALI                                             38.717.043               155

 

QUOTA MAGGIORITARIA

Liste                                                                           voti            %     seggi

Progressisti  (PDS, Verdi, PSI, RC, AD, Rete)    12.632.680     32,81     164

Polo delle Libertà (Fi+Lega+CCd+UDC))             8.767.720     22,77     164

Patto per l'Italia     (Patto Segni e PPI)                6.019.038      15,63       4

Polo del Buon Governo (Fi+AN+Udc+CCD)         5.732.890     14,89     129

Alleanza Nazionale                                               2.566.848       6,66      8

Forza Italia                                                              679.154         1,76     1

Lista Pannella                                                          432.666         1,12     -

Südtiroler Volkspartei                                              188.017          0,49     3

Soc per le Libertà                                                     147.493         0,38     -

 

Totale                                                                  38.504.158     100,00     475

 

TOTALE SEGGI  PROPORZIONALE-MAGGIORITARIO

FI-AN-LEGA-UDC                360

RADICALI                               6

 

PROGRESSISTI                    213

 

PATTO PER L'ITALIA             46

 

ALTRE                                      5

 

 

I dati si commentano da soli e rendono chiara l'iniquità del sistema in sè.

Posso aggiungere che se ci fosse stato il sistema proporzionale le forze del Centro-destra (Forza Italia, AN, Lega - il CCD si candidò solo nei collegi maggioritari) arrivavano al 42,84% (diciamo con qualche semplificazionea circa 270 deputati) a cui andrebbe aggiunto il 3,51% dei Radicali (22 deputati) allora schierati a Destra. Le forze del Centro-sinistra erano al 50,09% (pari a 316 deputati circa) precisamente il 34,34% (216 deputati) i Partiti che diedero vita ai Progressisti e 15,75% (100 deputati) quelli del Patto per l'Italia. Mancano una ventina  di seggi che sarebbero stati spartiti sulla base dei resti e che qui non ho calcolato.

 

E chissà magari Berlusconi non sarebbe diventato premier

 

MEDITATE GENTE, MEDITATE!




permalink | inviato da serenacolonna il 30/8/2010 alle 16:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
POLITICA
Interrogativi del Terzo Millennio
7 giugno 2010
E' vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto Partito Fascista (XII disposizione transitoria e finale della Costituzione della Repubblica Italiana)
E allora perchè Casa Pound e Blocco studentesco non vengono sciolte come si fece con Movimento Politico?



permalink | inviato da serenacolonna il 7/6/2010 alle 15:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
POLITICA
La luce della Costituzione
3 gennaio 2010
Si riprende a parlare di riforma della Costituzione.
Ed ogni volta che succede mi viene da tremare, almeno per due ordini di ragioni: la prima, molto banalmente, sta nel fatto che non posso fare a meno di pensare a chi ha scritto la Costituzione del 1948 e alla classe dirigente che oggi dovrebbere mettervi mano (sia del centro sinistra che della destra): la seconda, collegata alla prima, è che mai in questi anni questa classe dirigente ha saputo trovare un accordo largo sulle riforme necessarie all'Italia, mai, anche il centro sinistra, ha saputo individuare con precisione e chiarezza e in modo articolato e largo cosa tenere e cosa cambiare, quali sono i limiti delle modifiche possibili, quale è il modello istituzionale che si persegue.
 E non mi basta che si divida la prima (i primi dodici articoli) e la seconda parte della Costituzione, impegnandosi a modificare solo quest'ultima (anche se poi arriva Brunetta che vuole cambiarla in toto). Nella seconda parte, infatti, ci sono gli articoli che sanciscono l'autonomia della magistratura, che definiscono ruolo e poteri del Parlamento e del presidente della Repubblica, cioè che fanno sì che la nostra sia una Repubblica democratica e parlamentare.
E infine quando si mette mano a una Costituzione bisogna farlo con l'ambizione di fare un'opera duratura e non di risolvere problemi contingenti.

Calamandrei alla Costituente ricorda alcuni versi di Dante, citati da Togliatti per convincerlo della necessità che anche gli articoli, apparentemente più astratti e programmatici, come quelli relativi ai rapporti economico-sociali non fossero inseriti in un peambolo, ma facessero pienamente parte del testo costituzionale.
In quei versi Togliatti dice che i Costituenti devono fare
"come quei che va di notte,
e porta il lume dietro e a sè non giova
ma dopo sè fa le persone dotte
".

Fatico a trovare questo spirito nei riformatori di oggi


POLITICA
Sciocche battute di pessimo gusto
22 agosto 2009
Berlusconi non è stato invitato alla Festa dell'Unità perchè è una festa e non un festino.
Io credo che di buone ragioni per non invitarlo ce ne siano molte, ma perchè lasciarsi trascinare in queste battute da caserma, idi una goliardia allusiva e tutta maschile (o maschilista)?
Penso che non fosse nelle intenzioni di chi l'ha pronunciata ma per favore queste battute lasciamole al Presidente del Consiglio. E non invitiamolo alla Festa dell'Unità perchè fa delle leggi che rivoltano le coscienze civili come quella sull'immigrazione




permalink | inviato da serenacolonna il 22/8/2009 alle 13:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Undici
9 agosto 2009
Le ho contate. Sono undici.
Sono le volte che la parola Costituzione (o costituzionale/i) compare nelle tre mozioni congressuali del PD.
Precisamente 5 nella mozione Bersani, 5 in quella di Franceschini, una sola in quella di Marino.
In riferimento al lavoro, al ruolo dei Partiti, alla laicità, alla parità di genere, all'eguaglianza, alle riforme istituzionali.
Per lo più attraverso al citazione di specifici articoli.
Non una parola sulla Costituzione in generale, sul senso che essa ha per il PD, sugli impegni per la sua attuazione e difesa prima che per la sua riforma.
Un pò poco per un Partito che dovrebbe essere l'erede di almeno due delle più significative tradizioni storico-politico-culturali che ne sono all'origine
SOCIETA'
Obama
26 luglio 2009

L’amministrazione Obama apre la strada per allargare il diritto d’asilo alle donne straniere vittime di abusi e di violenze.
A noi toccano Berlusconi e Maroni che le rinviano nei lager libici





permalink | inviato da serenacolonna il 26/7/2009 alle 12:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
marzo