Blog: http://serenacolonna.ilcannocchiale.it

Comune di Roma Bilancio 2010 una manovra contro la Città

In questi ultimi 4 giorni sono stata impegnata nell'esame della manovra di Bilancio proposta dal Sindaco Alemanno e delle delibere ad esso collegate. Lunedì dovrebbe chiudersi il tutto con la (DIS)approvazione della proposta di delibera relativa al Bilancio annuale 2010 e al triennale 2010-2012.

Non mi sono mai asppettata molto (in termini di capacità amministrativa, non di capacità politica) da Alemanno, ma che il Sindaco della Capitale d'Italia potesse arrivare a proporre una manovra tanto iniqua e penalizzante per la nostra Città non me lo sarei davvero aspettato.

Di seguto riporto solo alcune cifre (le più eclatanti) relative ai tagli delle risorse previsti nel Bilancio comunale che riguardano il XV Municipio.

-23,64% del fabbisogno complessivo calcolato su base parametrica

E nel dettaglio:
Comparto attività culturali, sportive per le donne e i giovani
-100%pari a -4.000 euro rispetto al deliberato 2009 per i servizi a favore delle donne
-92% pari a -49.000 euro rispetto al deliberato 2009 per le attività sportive
-87% pari a -192.500 euro rispetto al deliberato 2009 per le attività culturali
-63% pari a -12.500 euro rispetto al deliberato 2009 per le attività destinate ai giovani

Da notare che nel frattempo aumentano le risorse destinate ai dipartimenti e agli assessorati comunali della serie menolegami con l'associaizonismo locale più centralismo e più discrezionalità nell'assegnazione dei fondi

Comparto manutenzione scolastica
-22% pari a -40.378,5 euro rispetto al deliberato 2009 per la manutenzione degli asili nido
-51% pari a -180.230,37 euro rispetto al deliberato 2009 per la manutenzione delle scuole dell’infanzia
-55% pari a -248.420,32 euro rispetto al deliberato 2009 per la manutenzione delle scuole primarie
-49% pari a -190.470,09 euro rispetto al deliberato 2009 per la manutenzione delle scuole medie

E nel frattempo aumentano i contributi per i nidi, per il trasporto e per le mense scolastiche

Tagli radicali in settori precisi che rendono chiaro qual è l'idea di città che ha in mente il Sindaco:
una Roma in cui sarà più difficile godere di un bello spettacolo tetrale o di un bel film, una Roma con scuole meno accoglienti, una Roma cioè con legami sociali e processi di integrazione più deboli, e quindi meno sicura, una Roma meno Europea.



Pubblicato il 17/7/2010 alle 15.42 nella rubrica Municipio XV.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web